I Biscotti della Gioia di Santa Ildegarda

Chi era Ildegarda di Bingen

Ildegarda di Bingen è stata una monaca controcorrente e anticonformista; occupandosi di teologia, musica e medicina, ha lasciato alcuni libri profetici e una notevole quantità di lavori musicali.
Un notevole contributo diede pure alle scienze naturali, scrivendo due libri che raccoglievano tutto il sapere medico e botanico del suo tempo.
La fama di Ildegarda si estese per tutta Europa quando il Papa Eugenio III, su richiesta di Bernardo di Chiaravalle, riconobbe ufficialmente il suo dono di profetessa durante il Sinodo di Treviri (1147).
Fedele al significato del suo nome, “protettrice delle battaglie”, fece della sua religiosità un’arma per una battaglia da condurre per tutta la vita: scuotere gli animi e le coscienze del suo tempo. Non ebbe timore a uscire dal convento per conferire con vescovi e abati, nobili e sovrani d’Europa che le richiedevano consigli spirituali.

I Biscotti della Gioia

I Biscotti della Gioia sono una preparazione terapeutica (pur essendo buonissimi, non mangiamone troppi in una volta!), fragranti e pieni di spezie che aprono il cuore.
Ildegarda scrive a riguardo:
“I Biscotti della Gioia dissolvono l’amarezza del cuore, lo calmano, lo dischiudono, spalancano pure i cinque sensi, rendono l’uomo gioioso, purificano gli organi sensoriali, riducono gli umori nocivi e danno al sangue una buona composizione, rendono l’uomo robusto, gioioso ed efficace nel lavoro”.

Ingredienti (per 40 biscotti ca.)

  • 300 gr. farina bianca di farro
  • 2 uova
  • 7 gr. cannella
  • 7 gr. chiodi di garofano tritati
  • 7 gr. noce moscata grattugiata
  • 100 gr. burro fuso (o ghee)
  • 120 gr. zucchero di canna grezzo (o di fiori di cocco)
  • 50 gr. miele
  • 70 gr. mandorle tritate
  • un po’ di musica di sottofondo…
  • amore e gioia!

Preparazione

In una terrina uniamo la farina di farro con le spezie e uniamo le mandorle tritate grossolanamente.
Facciamo sciogliere a bagnomaria il burro ma non troppo (deve rimanere un po’ cremoso).
Aggiungiamo al burro lo zucchero e il miele mescolando vigorosamente e, una per volta, le uova, battendo vigorosamente con una forchetta o un frustino per 3 minuti circa, fino a ottenere una specie di emulsione.
Amalgamiamo lentamente l’emulsione alla farina. Se il composto è troppo colloso, aggiungiamo un po’ di farina.
Con le mani infarinate formiamo 2 rotoli che andremo ad avvolgere, singolarmente, nella pellicola e metteremo in frigo per almeno 1 ora.
Trascorso questo tempo, iniziamo a tagliare i biscotti con un coltello infarinato per formare delle fettine di 3-4 mm. ca. di spessore oppure creiamo delle formine con dei tagliabiscotti.
Disponiamo su una teglia ricoperta da carta da forno e inforniamo in forno preriscaldato a 180° per 12-15 minuti.
I biscotti sono pronti quando un profumo delizioso inizia a pervadere la casa e i bordi diventano dorati

Per maggiori informazioni su Ildegarda di Bingen vedi viriditas.it

Leave A Reply