Si possono usare Lady-Comp e Pearly con il Ciclo Irregolare?

Ciclo irregolare

S. ci chiede:Buongiorno, sono interessata a uno dei vostri apparecchi. Ho, però, un dubbio: il mio ciclo mestruale è spesso ampiamente irregolare con ritardi anche di 10 – 15 giorni. In tal caso l’apparecchio potrebbe comunque garantirmi l’affidabilità di calcolo? Grazie.

Si, la sicurezza contraccettiva del 99,3%– testata clinicamente e certificata – è garantita  anche quando la donna ha cicli irregolari, senza limitazione di lunghezza del ciclo. Grazie, infatti, all’analisi perfetta della temperatura basale eseguita dal software, l’unica prerogativa affinché Ladycomp e Pearly possano distinguere i giorni “non-fertili” dai giorni fertili è che la donna abbia l’ovulazione.
E’ chiaro però anche che più regolari sono i cicli, maggiori possibilità avrà l’apparecchio di delimitare al minimo indispensabile (7-8) i giorni fertili.

Cosa si intende per Ciclo Regolare e Ciclo Irregolare?

Tipicamente, per ciclo regolare, si intende un ciclo che dura costantemente 28 giorni. Ciò nella pratica accade molto raramente. Dall’osservazione dei dati relativi ai 700.000 cicli, fatta in occasione dello sviluppo del programma, prima di BabyComp poi di LadyComp e quindi, di Pearly, si è visto che, quasi ogni donna presenta delle oscillazioni di ciclo di 2-3 giorni. Quando, invece, il ciclo diventa molto più lungo del normale, come nel Suo caso, quello che accade è che l’ovulazione ritarda. In pratica è la fase follicolare (pre-ovulatoria) ad allungarsi mentre la fase post-ovulatoria rimane relativamente costante.Per fare un esempio pratico:

  • Con un ciclo definito regolare di 28 giorni se la fase post-ovulatoria è mediamente di 13 giorni, l’ovulazione può avvenire, intorno al 15.mo giorno
  • Con un ciclo molto lungo, ad esempio, di 48 giorni, la fase post-ovulatoria rimarrebbe di 13 giorni (giorno più giorno meno) ma l’ovulazione sarebbe intorno al 35.mo giorno.

Vedi tabella medico-scientifica per la spiegazione teorica del metodo della temperatura basale, che trova applicazione perfetta con l’utilizzo degli apparecchi Lady-Comp, in quanto utilizzano, per le analisi, dei valori termici con una precisione al centesimo di °C.

Gli apparecchi sono stati, quindi, programmati per dare una giusta interpretazione anche in caso di grandi oscillazioni del giorno dell’ovulazione, oppure quando la donna non ha l’ovulazione.

Come si comportano Pearly e Ladycomp in caso di ciclo irregolare o molto lungo?

In questi casi, gli apparecchi indicano, semplicemente, più giorni rossi, per poi posizionarsi sul giallo fino a che l’ovulazione non è avvenuta.


Infatti, l’apparecchio ha modo di accorgersi che l’ovulazione è ritardata dal fatto che la temperatura basale della donna rimane bassa per più giorni consecutivi (la fase pre-ovulatoria – estrogenica – viene definita infatti ipotermica perché i valori sono più bassi rispetto a quelli della fase post-ovulatoria).


Una volta che l’ovulazione è avvenuta, il 3° giorno di rialzo della temperatura basale, (sempre che l’aumento nella media si di almeno 0,25°C) l’apparecchio si posiziona sul verde perché la finestra fertile del ciclo  è effettivamente terminata.


Pertanto, anche le donne con cicli irregolari possono stare tranquille, e usufruire di una contraccezione naturale e sicura al 99,3%  e in più, nell’evenienza, avere anche un prezioso aiuto in caso di difficoltà di concepimento o per il controllo della fertilità e dell’equilibrio estro-progestinico grazie alla Stampa dei Dati. Vedi -> Controllo dell’ovulazione, del ciclo e della fertilità grazie alla Stampa dei Dati

Acquista ora il tuo apparecchio Lady-Comp o Pearly!

Leave A Reply