Come misurare con Lady-Comp e Pearly?

Misurazione LadycompIn Pearly e Ladycomp vi è incorporata anche una sveglia. Quando suona si preme un tasto per spegnerla, si prende il termosensore, lo si appoggia sotto la lingua, a contatto con la parete del frenulo e quindi si dà il via al processo di misurazione.
E’ possibile misurare già 3 ore prima che la sveglia suoni. Quindi, qualora accadesse che ci si sveglia prima, basta fare esattamente la stessa cosa:

Accendere l’apparecchio premendo un tasto, se c’è il simbolo del termometro acceso, che ci conferma che siamo nel tempo utile di misurazione, appoggiare la punta del sensore sotto la lingua e premere una seconda vola il tasto per avviare la misurazione.
La fine del processo di misurazione viene segnalato con un tono acustico.
Tramite il termosensore il dato della temperatura viene trasmesso direttamente al computer che lo memorizza e dà in tempo reale l’indicazione di fertilità valida per 24 ore, con una sicurezza del 99,3%.
L’intera operazione di misurazione richiede circa 1 minuto.

Condizioni di misurazione

E’ importante fare e la misurazione appena ci si sveglia, da sdraiate . Infatti, si definisce basale la temperatura al risveglio, prima di compiere qualsiasi attività corporea, dopo un sonno della durata di almeno 3 ore consecutive o, in alternativa, di almeno 4-5 ore complessive, purché, in questo caso, l’ultima ora di sonno sia intera.

Quindi – per maggior chiarezza –  se,  ad esempio, ci si sveglia per accudire il bambino, bere, alzarsi e andare in bagno (ecc…)  e sappiamo che successivamente abbiamo la possibilità di dormire almeno 1 ora si può misurare anche dopo, altrimenti, se l’apparecchio è nel tempo utile di misurazione e si è dormito almeno 3 ore, conviene farlo subito.
In pratica:
  • la temperatura va misurata, nel dormiveglia, quando ci si accorge di fare fatica a riaddormentarsi o bisogna alzarsi (purché si abbia dormito almeno 3 ore consecutive oppure 4-5 totali)
  • Se si entra da una fase di sonno profondo ad una più leggera, ci si rigira nel letto e si riesce a continuare a dormire, si può aspettare per misurare.
    Se però ci si accorge di fare fatica a riaddormentasi, e l’apparecchio è pronto per la misurazione, è meglio misurare. 
  • Dobbiamo tenere presente che, se ci si alza per qualsivoglia motivo,  affinché la temperatura torni corretta devi aver dormito almeno 1 ora.
  • La temperatura è corretta anche se si allunga un braccio per prendere l’apparecchio sul comodino 
Nel caso si misurasse in condizioni non basali, la sicurezza contraccettiva del 99.3% rimane invariata, ma, presentando la curva molti sbalzi termici si rischia di avere più giorni rossi o gialli.
Stampa dati valori altalenanti

Stampa dei dati con valori altalenanti e coseguenti giorni rossi e gialli

Stampa dati esempio

Stampa dei dati con valori tipici

Non è importante che la misurazione venga effettuata sempre alla stessa ora, infatti l’apparecchio offre la possibilità, attraverso la variazione dell’orario di sveglia impostato, di anticipare o posticipare il calcolo del tempo utile per la misurazione, che è sempre di almeno 6 ore, ma può essere più ampio.
 
Affinché la temperatura basale sia esatta il processo di misurazione viene controllato per circa una centinaio di volte al secondo, anche per poter rilevare eventuali errori nel posizionamento del termosensore.
Dopo che si effettuata la prima misurazione l’apparecchio può venire utilizzato anche senza sveglia.

Il video ti fa vedere quanto è semplice misurare!

Leggi anche:

Leave A Reply